Afghanistan, Talebani conquistano Herat

Secondo quanto riferito da fonti locali citate dalla Cnn, i Talebani hanno preso il controllo dell’aeroporto di Herat e sono entrati nell’ufficio del governatore. I Talebani controllano così 11 dei 34 capoluoghi di provincia dell’Afghanistan. Oggi hanno rivendicato la conquista di Kandahar. “Herat in mano ai talebani. Se confermato, che tristezza. Anni di impegno italiano cancellati. Si discuterà a lungo su questa guerra e sul suo epilogo”. Così in un tweet il commissario Ue all’Economia, Paolo Gentiloni. Di fronte all’accelerazione dell’avanzata dei Talebani, gli Stati Uniti hanno rinnovato l’appello ai propri cittadini che si trovano in Afghanistan a lasciare “immediatamente” il Paese. “A causa delle situazione di sicurezza e la riduzione del persone, la capacità dell’ambasciata di aiutare i cittadini americani in Afghanistan è estremamente limitata, anche a Kabul”, si legge nel tweet postato oggi dall’ambasciata americana a Kabul, che già nei giorni scorsi aveva rivolto un identico appello a lasciare l’Afghanistan con i voli commerciali disponibili. La Gran Bretagna e gli Stati Uniti invieranno militari in Afghanistan per favorire il rimpatrio dei loro connazionali. Lo hanno annunciato il Dipartimento di Stato Usa e il ministro della Difesa britannico Ben Wallace. L’ambasciata degli Stati Uniti a Kabul ”resterà aperta” con ”una presenza diplomatica importante sul campo” ha dichiarato il portavoce del Dipartimento di Stato Usa Ned Price spiegando, nel corso di una conferenza stampa, che ”questo non è un abbandono. Questa non è una evacuazione completa” anche se verrà ”ridotto il numero dello staff dell’ambasciata, del personale civile”. ”Il messaggio che stiamo inviando al popolo dell’Afghanistan è quello di una partnership duratura”, ha detto Price.

Torna su

Utilizzando il sito, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo.

Chiudi