50 anni dello Statuto regionale

Qualche giorno fa l’on Peppino Molinari ha ricordato a tutti la figura del primo Presidente dell’assise regionale Salvatore Peragine nella ricorrenza del cinquantenario dell’approvazione dello Statuto. Forse solo per ricordarci che le ricorrenze non sono  un fastidio a cui assolvere per un inutile rito istituzionale e di cui si farebbe volentieri a meno perché ritenute una perdita di tempo da chi oggi gestisce le sorti di questa Regione. Lo dimostra lo stentato e improvvisato dibattito in seno al consiglio regionale. Si registra quanta poca considerazione vi è dell’istituto, che momentaneamente si governa, nell’attuale rappresentanza regionale perché ormai nelle istituzioni legislative ci si arriva per pura fortuna, per puro caso, per grande opportunismo, sicuramente non per un curriculum politico-professionale tale da direzionare coscientemente l’elettorato. È bastato un vaffa o più ancora l’incoscienza di un centrosinistra sempre più supponente ed autoreferenziale per consegnare la regione al centro destra. Non a un centrodestra illuminato, che potesse avere come punto di riferimento Federico II, lo Stupor Mundi, ma la corte di Francischiello. Ma come si fa a non comprende che tutti si è di passaggio mentre le istituzioni rimangono e rimangono le memorie, quelle meritevoli, degli uomini che le hanno fatte e percorse con onore e dignità. Ed è giusto che nei momenti solenni delle celebrazioni, e non solo per puro protocollo che andrebbe comunque rispettato, gli uomini che hanno ricoperto le alte cariche di quelle istituzioni siano presenti e debitamente invitati. Inaugurare la pratica della dimenticanza è quello che poi spetterà agli stessi attuali reggenti smemori. Infine sarebbe cosa buona e giusta quando qualcuno dovesse pur intervenire nel dibattito fosse un po’ edotto e meno improvvisato in merito, altrimenti è meglio tacere.

Torna su

Utilizzando il sito, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo.

Chiudi