Summa (Cgil) su Centro accoglienza Città della pace Scanzano J. (MT)

“Finalmente dopo mesi di incomprensibili ritardi apprendiamo  dell’approvazione della delibera di giunta a favore del completamento del centro di accoglienza Città della pace di Scanzano Jonico, finanziata con 2 milioni di euro del Pon Legalità.  Un progetto voluto da due personalità premio Nobel per la pace, la cui Fondazione opera costantemente sul territorio lucano a sostegno dei più deboli, accogliendo numerosi rifugiati. È ora più che mai fondamentale stringere i tempi per il completamento, soprattutto in un momento storico come quello attuale, con la guerra nel cuore dell’Europa dagli esiti imprevedibili, le crescenti tensioni sociali in Medio Oriente e i cambiamenti climatici che potrebbero fare crescere i cosiddetti profughi ambientali”. Lo afferma il segretario della Cgil Basilicata, Agelo Summa. “La Città della pace nel Comune sciolto per infiltrazioni mafiose e in un contesto come quello del Maetapontino, crediamo abbia un grande valore strategico nella lotta alla criminalità organizzata ma anche simbolico. La costruzione di un tessuto politico, sociale e produttivo improntato sul rispetto della legalità e della trasparenza non può essere esclusivamente un problema di ordine pubblico, ma un impegno congiunto tra le istituzioni, la società civile e l’associazionismo datoriale e sindacale. In particolare è necessario intraprendere una lotta più severa al fenomeno del caporalato e attivare progetti di solidarietà per l’accoglienza e l’integrazione dei migranti stanziali e temporanei”.

radionoff
radionoff
Articoli: 7881