«Comune di Potenza, personale al lumicino e fondo delle risorse decentrate»

di Giuliana Scarano, segretaria generale Fp Cgil

A distanza di mesi dalla costituzione del fondo delle risorse decentrate del personale,  l’amministrazione comunale di Potenza continua a non convocare le organizzazioni sindacali. Nonostante gli svariati solleciti affinché si avviasse il tavolo di delegazione trattante, nonostante gli impegni presi a chiusura della contrattazione decentrata lo scorso anno, a tutt’oggi l’amministrazione comunale è silente.

Ancora una volta ci ritroviamo a ratificare il consuntivo dell’utilizzo del fondo del salario accessorio dei dipendenti, senza alcuno spiraglio per impostare percorsi di valorizzazione del personale con l’avvio di un nuovo ciclo di progressioni orizzontali per il 2022.  Un personale ridotto al lumicino, come abbiamo denunciato più volte, con le tante criticità che caratterizzano molti servizi comunali, dove è notevole lo sforzo che si è chiesto e si continua a chiedere ai lavoratori ed è, quindi, doveroso trovare soluzioni adeguate.

D’altronde le carenze sono note e sono esplose in tutti i servizi tecnici e amministrativi determinando, come nella polizia locale, dove è stato unitariamente proclamato lo stato di agitazione, una vera e propria emergenza rispetto alla quale le assunzioni previste nel piano triennale dei fabbisogni rappresentano solo una limitata boccata d’ossigeno. Chiediamo pertanto che venga convocato con urgenza il tavolo sindacale e che l’amministrazione esca da questo torpore riaprendo con immediatezza il confronto con i sindacati.

intervento
intervento
Articoli: 543

Lascia una risposta

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *