Bracciante agricolo trovato senza vita a Scanzano Jonico (MT)

“La vicenda del bracciante agricolo di origine straniera trovato priva di vita nei pressi della stazione di Scanzano Jonico, in un alloggio di fortuna semi abbandonato, non può passare inosservata. In attesa che le indagini facciano il loro corso, è doverosa da parte delle istituzioni una riflessione su quanto accaduto e sul sistema di accoglienza che in Basilicata ha ancora tanti vulnus da colmare”. Lo afferma il segretario generale della Flai Cgil Basilicata, Vincenzo Esposito. “Da anni – prosegue  Esposito – la Flai Cgil denuncia la situazione in cui sono costretti i migranti impiegati nelle campagne lucane, il più delle volte occupati in lavori stagionali. Episodi di questo genere non sono degni di una società civile. Per questo motivo chiediamo alla Regione Basilicata di intervenire con urgenza sull’accoglienza di questi lavoratori a cui viene negato ogni diritto. Si acceleri, nella fattispecie, nel rendere operativo il centro di accoglienza Città della pace proprio a Scanzano Jonico. La legalità e la lotta al caporalato – conclude Esposito – passano innanzitutto da quelle condizioni necessarie a garantire a tutte e tutti condizioni di vita dignitose”.

radionoff
radionoff
Articoli: 7814

Lascia una risposta

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *